Impermeabilizzazione delle costruzioni: il codice Winkler

“Impermeabilizzazione delle costruzioni, dal progetto alla manutenzione, nel rispetto dell’ambiente e secondo le ultime normative e l’assicurabilità degli interventi”, questo il titolo completo del seminario tecnico organizzato da Winkler.
L’appuntamento si è tenuto lo scorso 4 luglio a Castelbuono (PA) e Angelo Sangiorgio, ingegnere e coordinatore tecnico dell’incontro commenta: «Un seminario molto interessante, devo dire che la maggior parte dei colleghi intervenuti non era a conoscenza dei codici di pratica, dei valori, oggi cogenti, legati alla mantenibilità e alla durabilità degli interventi, oltre agli aspetti assicurativi e a quelli più strettamente giuridici. Credo che i tecnici che hanno partecipato a questo evento da domani saranno più attenti ad accettare i materiali in cantiere».

Il codice di pratica professionale I.G.L.A.E. potrebbe anche essere definito un vero e proprio antidoto alla pratica corrente, spesso inadeguata, ma certamente rappresenta un approccio nuovo al costruire. Di più, deve poter favorire un ulteriore riposizionamento, verso l’alto, dei protagonisti di un mercato che oggi definisce con chiarezza i termini e i soggetti delle responsabilità. Mettersi al riparo da eventuali contestazioni, ma soprattutto realizzare interventi professionali, duraturi e garantiti è certamente più facile, dal punto di vista delle soluzioni tecniche a disposizione, ma sempre difficile per motivi di mentalità e convenienza.

Paolo Ghezzi, direttore commerciale di Winkler, ha ricordato nel suo intervento come in Italia il 50% delle contestazioni in edilizia siano dovute a infiltrazioni d’acqua. Che solo nel 10% dei casi la responsabilità è del prodotto, mentre nel restante 90% le cause principali sono gli errori di progettazione, i danneggiamenti in corso d’opera e gli errori di applicazione dei prodotti stessi.


© Copyright 2020. Edilizia in Rete - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy