Stabilimento industriale - Verona

E’ servita una vera squadra di uomini e macchine per la demolizione selettiva di uno stabilimento di Soave, in provincia di Verona. Lavoro che ha richiesto anche la rimozione e lo stoccaggio dei rifiuti speciali e pericolosi, opere di pulizia e bonifica.
Sono stati necessari poco più di due mesi di lavoro e una squadra di uomini e macchine, per portare a termine la demolizione selettiva di uno stabilimento in provincia di Verona. L’intervento, eseguito da un’azienda altamente specializzata nella dismissione di complessi industriali, bonifiche ambientali, rimozione, stoccaggio e smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, ha coinvolto l’interno e l’esterno del complesso. 
E data la mole delle strutture, per le opere di smontaggio, demolizione e trasporto, si è reso necessario l’impiego di una serie di macchine per il sollevamento e movimento terra, che sono state fornite dal Gruppo Cofiloc. All’interno e all’esterno dell’area sono state utilizzate una piattaforma articolata Haulotte HA15IP, un sollevatore telescopicofrontale Merlo P40.16 K, equipaggiato con forche, gancio, cesta e benna; un escavatore cingolato Yanmar SV100 e un Hitachi ZX210-5 monolitico, entrambi con martello demolitore idraulico RX22. Un gruppo di macchine eterogeneo, che ha permesso di svolgere in modo professionale e sicuro un intervento altamente complesso e articolato. 
L’eterogeneità e complessità dell’intervento ha visto così interagire una piattaforma elettrica articolata Haulotte HA15IP – una 15 m compatta in grado di accedere e muoversi negli spazi più stretti - un sollevatore telescopico frontale Merlo P40.16 K, equipaggiato con forche, gancio, cesta e benna; un escavatore cingolato Yanmar SV100 e un Hitachi ZX210-5 monolitico, entrambi con martello demolitore idraulico RX22. Un mix di precisione e forza, come nel caso del trasporto dei serbatoi all’esterno, dove lo Yanmar SV100 e il Merlo P40.16 K, hanno lavorato congiuntamente. 
Operazione svolta brillantemente, sia per l’abilità degli operatori, sia per la notevole capacità di sollevamento e la stabilità delle macchine. Elevate, naturalmente, le disposizioni e protezioni di sicurezza per il personale. In particolare durante le lavorazioni a rischio di esposizione a sostanze pericolose e l’accesso negli spazi confinati.
© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy