PONTI TERMICI
isolante in fibre di legno per la correzione dei ponti termici

  • Carattistiche tecnico prestazionali:

    Le perdite di calore attraverso gli elementi strutturali di un edificio, i ponti termici, possono raggiungere e superare il 20% delle dispersioni totali e sono causa di condense interne, macchie, muffe, con il conseguente deterioramento delle parti costruttive.

  • Campi di Impiego e Applicazione:

    La normativa sul risparmio energetico (D. Lgs. 192/05, D.Lgs 311, DPR 59/09) prende in esame il ponte termico dal punto di vista energetico, limitandone la trasmittanza, e dal punto di vista dell’igene e della salubrità degli ambienti imponendo l’assenza di condensazione superficiale interna sulle superfici della struttura. La correzione del ponte termico si può ottenere disponendo, all’interno del cassero di contenimento del getto, i pannelli Celenit che rimarranno legati in modo permanente al getto stesso. In questo modo si bilanciano le proprietà isolanti della muratura e delle parti in calcestruzzo. I pannelli consigliati per l’applicazione sono: Celenit N, Celenit P3, Celenit E3, Celenit G3. Con pannelli multistrato (Celenit P3, Celenit G3, Celenit E3) si consiglia l'impiego di ancore in plastica o metalliche che rimarranno inglobate nel getto. In alternativa, il pannello può essere applicato successivamente alla struttura con l’impiego di colla e tasselli.
    Maggiori informazioni sono disponibili sul depliant dedicato (CELENIT I PONTI TERMICI) scaricabile dal sito.

    Celenit G2 è un pannello isolante termico ed acustico composito, costituito da uno strato (spessore 10 mm) in lana di legno di abete rosso mineralizzata e legata con cemento Portland grigio, accoppiato ad uno strato di polistirene espanso sinterizzato additivato con grafite, conforme alla norma UNI EN 13163.
    Conforme alla norma UNI EN 13168.

© Copyright 2017. Edilizia in Rete - Privacy policy